Cosmo

Cosmo-6_web

Cosmo è la teoria del caos applicata alla musica pop.
Lucio Battisti a spasso con Grimes, l’anello di congiunzione tra gli Animal Collective e un cantautore. Jovanotti e Gold Panda.

La tradizione musicale italiana rivisitata in chiave psichedelica e moderna.
Un microfono, due campionatori, synth e tanti effetti. E la chitarra acustica? In soffitta, col vecchio maglione di lana e la giacca di velluto con le toppe.

Ma Cosmo è soprattutto la nuova incarnazione musicale di Marco Jacopo Bianchi, già cantante e fondatore dei Drink To Me, da tutti riconosciuti come una delle migliori band italiane contemporanee (il loro ultimo album – “S” – è stato segnalato come migliore disco del 2012 dal noto portale Rockit).

 A maggio 2013 è uscito il suo primo album – “Disordine” – per 42 Records (I Cani, Colapesce, Criminal Jokers, Mamavegas e altri). Prodotto dallo stesso Cosmo con Andrea Suriani, che già aveva affiancato i Drink To Me per “S” e il precedente “Brazil”, entrambi pubblicati da Unhip.

Il primo singolo estratto “Ho visto un Dio” viene presentato in anteprima esclusiva all’ interno di Babylon, lo show di Radio Due Rai condotto da Carlo Pastore.

Disordine è uno dei dischi che più ha colpito la critica e il pubblico durante questo 2013. La vera rivelazione dell’anno, e come opera prima è arrivato fra i finalisti del premio Tenco 2013.

Cosmo, però, è anche uno spettacolo dal vivo inedito e sorprendente, diverso dai normali standard indipendenti italiani. L’estate lo ha visto protagonista di numerosi concerti che lo portano verso un tour invernale organizzato da DNA Concerti.

Preparatevi a lasciarvi travolgere dal Disordine.

Cosmo sul Web